Valutiamo Casa Torino

La fusione catastale

CHE COS’È LA FUSIONE CATASTALE?

La fusione catastale è l’accorpamento fra due o più immobili che una volta uniti daranno vita a una nuova unità immobiliare. 

L’accorpamento deve essere notificato in catasto, fatto questo è possibile usufruire di alcune agevolazioni fiscali.

QUANDO È POSSIBILE UNA FUSIONE CATASTALE?

Per poter effettuare una fusione catastale è necessario che i due immobili siano di proprietà della stessa persona e siano fisicamente collegabili tra di loro.

Le due unità devono trovarsi sullo stesso piano o essere su due livelli differenti ma l’uno sopra l’altro.

Solo in questo modo l’unità potrà assumere la stessa funzione reddituale ed essere considerata un’unica unità catastale dal Comune.

In tutti gli altri casi non è possibile realizzare una fusione catastale.

COME SI COMUNICA UNA FUSIONE CATASTALE IN CATASTO?

Per presentare una pratica di fusione catastale in catasto è necessario avvalersi dell’ausilio di un tecnico iscritto all’albo: geometra, architetto o ingegnere.

Questo perché una fusione catastale non viene considerata un intervento di manutenzione ordinaria in quanto verranno apportate delle modifiche alle planimetrie dei due immobili. 

Per esempio la semplice apertura di una porta su di una parete confinante deve essere indicata all’interno della planimetria catastale.

Il tecnico nel caso in cui l’unione degli immobili comporti delle modifiche alle parti strutturali dell’edificio dovrà presentare in comune una SCIA.

In tutti gli altri casi sarà sufficiente una CILA.

Sarà necessario richiedere la cancellazione dei subalterni identificativi delle vecchie unità e comunicare un nuovo subalterno che indichi l’unità nata dalla fusione delle due precedenti.

Il Comune solitamente recepisce questa modifica nell’arco di un mese.

AGEVOLAZIONI PRIMA CASA E FUSIONE

Nel caso in cui si acquistino due immobili contigui, oppure un immobile accorpabile a un altro già di proprietà, è possibile usufruire delle agevolazioni prima casa.

La volontà di effettuare questa operazione deve essere manifestata il giorno dell’atto notarile.

Il notaio potrà così indicarla all’interno dell’atto di acquisto.

La fusione deve essere comunicata ufficialmente al Comune entro un anno dall’acquisto del nuovo immobile (o dei due accorpabili) l’acquirente dovrà stabilire al suo interno la propria residenza entro e non oltre i 18 mesi dall’acquisto.

UN ULTIMO REQUISITO

Ultimo importante requisito per usufruire delle agevolazioni prima casa è il seguente: l’unione dei due beni non deve dar vita a un’unità immobiliare lussuosa che appartenga alle categorie catastali A/1, A/8 o A/9 pena il decadimento delle agevolazioni stesse.

VENDERE O AFFITTARE CASA A TORINO SENZA SPESE

Vuoi vendere casa a Torino a zero commissioni?

Scopri i nostri servizi per vendere e affittare casa a zero commissioni!

Richiedi subito una valutazione gratuita del tuo immobile!

Se sei in possesso di un immobile a Torino e stai pensando di metterlo a reddito contattaci, insieme valuteremo la tipologia di contratto più sicura e redditizia per te, inoltre ti metteremo in contatto soltanto con inquilini referenziati senza spese d’agenzia.

Prova il nostro valutatore automatico: è gratuito e non ti verrà richiesto alcun tipo dato!

Con pochi click otterrai un valore indicativo del tuo immobile.

Ricordati però che solo un agente immobiliare può fornirti una valutazione su misura.

PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com