Valutiamo Casa Torino

Le agevolazioni prima casa

LA PRIMA CASA SECONDO LO STATO

Comprare casa, soprattutto quando si tratta dell’abitazione in cui andremo a vivere, è un passo economicamente molto impegnativo per questo in nostro soccorso ci sono le agevolazioni prima casa.

Lo Stato divide le abitazioni in due grandi insiemi stabilendo quali possono essere considerate prime case e quali seconde.

Secondo lo Stato la prima casa è quella in cui l’acquirente stabilisce la propria residenza entro 18 mesi dall’acquisto, tutti gli altri immobili di proprietà sono definiti seconde case.

A seconda della tipologia di acquisto graverà sull’immobile, e quindi sugli intestatari, un diverso trattamento fiscale.

LE IMPOSTE SULLA PRIMA CASA

Quando si acquista una prima casa si può usufruire delle “agevolazioni prima casa” cioè uno sconto sulle tasse e sulle imposte immobiliari.

Quando si acquista un immobile da un soggetto privato si deve versare:

  • Imposta di registro del 2% del valore catastale dell’immobile rivalutato
  • Imposta ipotecaria e catastale 50 Euro l’una

Se si acquista immobile da un’impresa, quindi da un “soggetto IVA”, ci sono due scenari possibili a seconda del periodo di ultimazione dei lavori.

Se l’impresa ha costruito o ristrutturato l’immobile entro i 5 anni bisogna versare:

  • Iva agevolata al 4% sul prezzo concordato
  • Imposta di registro, ipotecaria e catastale 200 euro l’una

Se l’impresa ha completato i lavori oltre i 5 anni può scegliere se continuare ad essere considerata “soggetto IVA” o meno, l’opzione scelta deve essere indicata in atto notarile e comunicata all’acquirente in sede di preliminare.

Nel primo caso è possibile versare l’IVA agevolata al 4%, altrimenti si verserà l’imposta di registro agevolata del 2% sul prezzo di vendita pattuito con imposta ipotecaria e catastale di 50 Euro l’una.

L’IMPOSTA MINIMA

Per gli immobili soggetti a imposta di registro anche nel caso in cui il 2% del valore catastale rivalutato risultasse inferiore a 1.000 Euro dovrai comunque versare 1.000 Euro cifra ritenuta dallo Stato soglia minima per tale imposta.

IL CREDITO D’IMPOSTA

Nel caso in cui si sti acquistando una seconda prima casa è possibile recuperare l’imposta di registro versata in fase di acquisto della precedente prima casa.

GLI IMMOBILI CHE HANNO DIRITTO ALLE AGEVOLAZIONI PRIMA CASA

Non tutti gli immobili presenti sul territorio nazionale hanno diritto alle agevolazioni prima casa.

Sono esclusi: gli uffici, gli studi professionali e gli immobili di lusso.

Le categorie catastali che indicano questi immobili sono: A/1 (abitazioni di tipo signorile), A/8 (abitazione in ville), A/9 (castelli e palazzi di eminente pregio artistico e storico) e A/10 (studi e uffici privati).

Per conoscere la categoria catastale dell’immobile è sufficiente richiedere una visura catastale.

LE AGEVOLAZIONI PRIMA CASA: UBICAZIONE DELL’IMMOBILE

Per usufruire delle agevolazioni prima casa è importante considerare anche l’ubicazione dell’immobile.

Esso deve trovarsi:

  • Nel Comune in cui l’acquirente è residente o intenda stabilire la propria residenza entro e non oltre 18 mesi dal rogito.
  • Se l’acquirente si è trasferito all’estero per motivi di lavoro nel Comune in cui ha sede il suo datore di lavoro
  • Nel Comune in cui l’acquirente svolge la propria attività lavorativa o di studio
  • Se l’acquirente è un cittadino italiano emigrato all’estero in qualunque Comune del territorio nazionale.
  • Se l’acquirente appartiene alle forze armate o di polizia è libero di usufruire delle agevolazioni prima casa anche per un immobile sito in un comune diverso da quello di residenza.

CHI PUO’ USUFRUIRE DELLE AGEVOLAZIONI PRIMA CASA?

Una volta soddisfatti tutti i requisiti legati all’immobile è necessario verificare se l’acquirente può usufruire delle agevolazioni prima casa.

L’acquirente deve:

  • Poter acquistare in qualità di persona fisica. Società o imprese infatti non hanno diritto all’agevolazione.
  • Non essere in possesso esclusivo (o in comunione con il coniuge) di un altro immobile a uso abitativo all’interno del Comune in cui è ubicato l’immobile oggetto della compravendita.
  • Non essere proprietario su tutto il territorio nazionale di un altro immobile acquistato usufruendo delle agevolazioni prima casa. Questo è valido anche nei casi in cui si sia titolari anche solo di una quota, anche in regime di comunione dei beni, si sia usufruttuari o nudi proprietari di un immobile.

La norma permette a chi è già proprietario di una prima casa di acquistarne una seconda dichiarando in sede di atto notarile di essere intenzionato ad alienare l’altro immobile acquisito usufruendo delle agevolazioni entro 12 mesi dalla stipula del nuovo atto notarile pena la perdita delle agevolazioni fiscali.

VENDERE O AFFITTARE CASA A TORINO SENZA SPESE

Vuoi vendere casa a Torino a zero commissioni?

Scopri i nostri servizi per vendere e affittare casa a zero commissioni!

Richiedi subito una valutazione gratuita del tuo immobile!

Se sei in possesso di un immobile a Torino e stai pensando di metterlo a reddito contattaci, insieme valuteremo la tipologia di contratto più sicura e redditizia per te, inoltre ti metteremo in contatto soltanto con inquilini referenziati senza spese d’agenzia.

Prova il nostro valutatore automatico: è gratuito e non ti verrà richiesto alcun dato!

PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com