Valutiamo Casa Torino

Vendere casa prima di 5 anni

LA PRIMA CASA E I 5 ANNI

Spesso quando si acquista la casa per la prima volta si pensa che quella sarà la nostra dimora per un lungo periodo della nostra vita, mentre può capitare di dover vendere casa prima di 5 anni.

Trascorsi 5 anni è possibile vendere la propria prima casa senza particolari accorgimenti mentre si può incappare in alcune problematiche se decidiamo di vendere prima.

Infatti le agevolazioni per l’acquisto di una prima casa prevedono che l’immobile acquistato rimanga di proprietà almeno per 5 anni.

VENDERE UNA PRIMA CASA A MENO DI 5 ANNI DALL’ACQUISTO

Chi fa questa scelta corre il rischio di veder decadere le agevolazioni prima casa utilizzate al momento dell’acquisto.

La perdita delle agevolazioni comporta l’obbligo di dover versare la differenza del 7% che intercorre tra l’imposta di registro acquisto prima casa (2%) e l’imposta di registro acquisto seconda casa (9%).

A ciò si aggiunge il 30% di sanzione sulle imposte stesse.

La soluzione è acquistare entro 12 mesi dalla vendita della prima casa un’altra abitazione principale e prendervi la residenza entro 18 mesi.

Se questa operazione non fosse possibile l’alternativa per non versare la sovrattassa del 30% delle imposte è quella del ravvedimento operoso.

Dopo un anno dalla vendita della prima casa è possibile presentare all’Agenzia delle Entrate un’istanza nella quale si afferma di non voler acquistare una nuova abitazione.

Si può richiedere la riliquidazione dell’imposta versando tutte le imposte non pagate in precedenza con i relativi interessi che saranno calcolati dal momento dell’acquisto della prima casa. 

VENDERE UNA SECONDA CASA

Anche quando si vende una seconda casa, acquistata quindi senza usufruire delle agevolazioni prima casa, se decidiamo di farlo prima che siano trascorsi 5 anni dal suo acquisto potremmo essere costretti a versare delle imposte aggiuntive.

Nello specifico l’imposta che potrebbe gravare su questa compravendita è l’imposta sulla plusvalenza.

Nel caso in cui la rivendita dell’immobile generasse una plusvalenza il netto del margine di guadagno verrebbe tassato al 26%.

CALCOLO DELLA PLUSVALENZA

Il netto della plusvalenza si calcola sottraendo dal prezzo di rivendita il prezzo di acquisto e tutte le spese affrontante comprese quelle di un’eventuale ristrutturazione.

Esistono due strade per pagare la tassa sulla plusvalenza: è possibile versarla direttamente in atto al notaio oppure inserirla nella dichiarazione dei redditi.

VENDERE O AFFITTARE CASA A TORINO SENZA SPESE

Vuoi vendere casa a Torino a zero commissioni?

Scopri i nostri servizi per vendere e affittare casa a zero commissioni!

Richiedi subito una valutazione gratuita del tuo immobile!

Se sei in possesso di un immobile a Torino e stai pensando di metterlo a reddito contattaci, insieme valuteremo la tipologia di contratto più sicura e redditizia per te, inoltre ti metteremo in contatto soltanto con inquilini referenziati senza spese d’agenzia.

Prova il nostro valutatore automatico: è gratuito e non ti verrà richiesto alcun dato!

Ricordati però che solo un agente immobiliare può fornirti una valutazione su misura.

PHP Code Snippets Powered By : XYZScripts.com